Seleziona una pagina

Finalmente il tempo si è messo al bello!
La settimana è stata piuttosto pesante: richieste infinite da parte di clienti che si avvalgono della mia esperienza per consigli tecnici ed estetici non hanno lasciato spazio a nessun tipo di svago.

Ma ora è arrivato il momento atteso da diversi mesi. Pare che il sole la faccia da padrone questo fine settimana e conseguentemente riesco ad andare a vedere una gara di enduro.

La passione per questo sport “come spettatore”, mi ha coinvolto circa un anno fa, quando un cliente è venuto nel mio negozio a comprare una mascherina da poter utilizzare in gara.

La mia innata curiosità mi ha portato a fare innumerevoli domande a riguardo!

Ed è lì che è scattata da parte del mio cliente, la voglia di raccontare e la mia, conseguente, di ascoltare questo mondo a me ancora sconosciuto.

L’enduro, fino agli anni settanta, è stata una specialità del motociclismo con gare su percorsi prevalentemente sterrati, con tempi e medie nel rispetto del codice della strada vigente.

Il termine enduro deriva dall’inglese “endurance” cioè resistenza.
Questa disciplina si è evoluta in Europa ed è poi dilagata nel resto del mondo riscuotendo molto successo.
È molto simile al motocross anche se con sostanziali differenze.

Il fervore messo dal mio cliente, nel raccontare di questa disciplina, pian piano mi stava caricando per il weekend prossimo, dove avrei visto in prima persona lo scorrere veloce dei motociclisti, tra il rumore assordante dei motori e la terra sollevata.

ENDURO

Essere d’aiuto nella scelta della mascherina giusta per una gara così importante ha fatto di me un protagonista laterale.

Mi sono sentito di dover mettere a disposizione tutto il mio sapere a riguardo, per poter vendere il miglior prodotto che avevo nel mio negozio.

Proteggere gli occhi e farli godere appieno l’esperienza di guida, è lo scopo principale di questo importante accessorio.
I modelli variano per forma, caratteristiche, materiali, prezzi e versatilità.

Il fattore sicurezza è il primo punto da tenere presente.
Gli occhi, in primis, sono una parte molto delicata del corpo umano e sono soggetti ad abrasioni, arrossamenti e altri danni in genere, specialmente in questo ambito sportivo.
Pertanto, il ruolo primario di una maschera è quello di fornire una protezione adeguata e garantita.

Delle buone lenti sono la base fondamentale per scongiurare ogni rischio di danno irreparabile, soprattutto quando le condizioni meteo sono avverse e la visibilità è molto scarsa a causa di pioggia, nebbia, fango e tutto ciò che può complicare la vita di un centauro in corsa.

Le lenti migliori sono quelle di tipo polarizzato, antigraffio e con protezione totale dai raggi UV.
Inoltre, devono essere resistenti agli urti e facilmente rimovibili dalla montatura, in caso vi fosse la necessità di sostituirle.

Nel frattempo il negozio si era riempito di gente incuriosita dai racconti dettagliati sulla storia dell’enduro da parte di Marco e dalle mie spiegazioni tecniche sugli occhiali.
Ci eravamo lasciati prendere notevolmente la mano, da quello che sarebbe stato un weekend ricco di adrenalina e polvere!